La Pet Therapy

Migliaia di anni fa tra l’uomo e l’animale da compagnia si è instaurato un rapporto affettivo ed emotivo molto forte. Osservando questo legame, sin dai tempi più’ antichi si è intuito che poteva svolgere anche un importante ruolo terapeutico grazie agli effetti positivi sull’umore e sulla salute generale delle persone, in particolare di quelle con problemi di salute fisica o psichica.

Da queste osservazioni è nato il concetto di pet therapy ( dal verbo inglese to pet, cioè coccolare, vezzeggiare, accarezzare),la terapia che prevede il coinvolgimento degli animali per il recupero o il mantenimento della salute umana.

Le attività assistite da animali mirano al miglioramento della qualità di vita e dello stato generale di benessere del paziente. Si tratta di interventi di tipo educativo, ricreativo e/o terapeutico, effettuati con determinati animali, destinati a persone che vivono difficoltà emotive o fisiche, affette da disabilità o malattie croniche, oppure che si trovano in condizioni di disagio, quali, per esempio, il ricovero ospedaliero, la permanenza in una casa di riposo, la detenzione.

Il disorientamento dovuto alla perdita delle consuetudini e dei punti di riferimento della vita quotidiana può, infatti, incidere negativamente sul benessere psicofisico del soggetto ospitato in strutture residenziali o variamente istituzionalizzato.

In questi ambiti, gli interventi della pet therapy, contribuisce a ricreare il senso di normalità, a rinforzare l’autostima del fruitore a coinvolgerlo in esperienze positive, ricche di significato. Possono essere erogati in ambienti di vario tipo, da professionisti e/o conduttori di animali e/o volontari opportunamente formati.

Il principio della pet therapy si basa sull’utilizzo del rapporto speciale che le persone, siano esse bambini, adulti o anziani, instaurano con gli animali domestici, per favorire il processo terapeutico( psicologico, sociale o fisico); il contatto che si instaura tra animali e pazienti lo accelera e facilita e contribuisce a rendere le situazioni meno stressanti, favorendo la comunicazione. L’animale in sé, è un facilitatore della socializzazione, capace di creare situazioni positive e rilassanti; in terapia il cane è co-terapeuta.

Benefici della Pet Therapy

I benefici della pet therapy sono riscontrabili in piu’ ambiti

Cognitivo
Con miglioramento di alcune abilità mentali, in particolare la capacità di memorizzazione e di alcune forme di pensiero. La stimolazione mentale si verifica grazie all’aumento di comunicazione con gli altri, all’evocazione dei ricordi e all’intrattenimento fornito dagli animali. In situazioni di depressione o istituzionalizzazione la presenza degli animali serve a rasserenare l’atmosfera, ad aumentare il divertimento , il riso ed il gioco. Queste distrazioni positive possono aiutare a diminuire le sensazioni di isolamento o alienazione dei pazienti.

Emotivo
Creazione di vissuti emotivi positivi, che aiutano a combattere emozioni e sentimenti negativi, sviluppando alcune doti dell’intelligenza emotiva, come l’empatia e il controllo emotivo. Sviluppo di buoni livelli di autostima.

Comportamentale
Rilassamento corporeo, riduzione dell’iperattività e dell’aggressività, acquisizione di regole e comportamenti adattati in modo piacevole. Gli individui che hanno malattie mentali o scarsa autostima focalizzano l’attenzione all’esterno. Piuttosto che parlare e pensare di se stessi e dei loro problemi, essi imparano a focalizzare l’attenzione sugli animali. Si è scritto molto circa la correlazione tra il contatto fisico e la salute. I bambini che non sono abituati al contatto fisico non sviluppano salutari relazioni con gli altri e spesso non riescono a crescere. Alcune persone non accettano il contatto fisico ma al contrario accettano il contatto con un cane o un gatto. In ospedale, dove la maggior parte dei contatti è dolorosa o invasiva, quello con l’animale è sicuro, non fa paura ed è piacevole. Molte persone sono capaci di rilassarsi quando gli animali sono presenti. Alcuni test hanno dimostrato che la diminuzione del battito cardiaco e della pressione sanguigna può essere significativa. Anche guardare i pesci nuotare in un acquario può essere molto rilassante.

Psicosociale
Miglioramento delle capacità di comunicazione e relazione. Superamento o riduzione dello stress e dell’ansia, soprattutto quelli legati a condizioni di istituzionalizzazione o la necessità di sottoporsi per lungo tempo a cure mediche. Gli animali possono aprire un canale di comunicazione tra paziente e terapista. Nei luoghi adibiti a terapia, gli animali danno sicurezza emotiva. Gli animali accettano gli altri senza riserve. Essi non si preoccupano di come una persona appare o di quello che dice. Un animale accetta senza giudicare, perdona e non conosce i giochi psicologici che spesso utilizzano le persone.

Alcuni studi hanno dimostrato che quando cani e gatti in visita in una struttura di cura, c’è più’ allegria ed interazione tra i residenti rispetto ad ogni altro momento di terapia o di intrattenimento. in un ambiente in cui sono presenti piu’ pazienti, la presenza dell’animale incoraggia la socializzazione in tre modi: tra gli utenti; tra utenti e personale, tra utenti,personale,famiglia e altri visitatori. I membri del personale hanno notato che è piu’ facile parlare ai residenti durante e dopo le visite degli animali ed alcuni hanno notato che questo è un momento particolarmente piacevole.

Psicomotorio
Stimolare abitudini posturali e schemi corporei appropriati.
Stimolazione del tono muscolare in situazioni di atrofia.
Miglioramento della motricità fine in soggetti portatori di handicap.

Il progetto Pet Therapy è realizzato in collaborazione con

100017858-logo-verein-therapiehunde-schweiz-vths[1]